Abbiamo terminato una nuova mappa delle Dolomiti di Brenta, realizzata con tecnologia differente rispetto alla Mappa del Trentino (che naturalmente comprende il Brenta). Qui sotto il risultato:

Visualizza la mappa a tutto schermo.

La nuova mappa escursionistica delle Dolomiti di Brenta è realizzata alla scala di stampa di 1:25.000 nel sistema di riferimento WGS84-UTM 32 ed è stata creata utilizzando esclusivamente open-data. I dati utilizzati per costruire la mappa provengono dal progetto OpenStreetMap, dalla Provincia di Trento e dalla Società degli Alpinisti Tridentini (SAT).

Nell’immagine animata che vedete qui sotto, si distinguono gli strati che compongono la mappa, da quello inferiore a quello superiore:

  • Strato 1: sfumo orografico (ombre del versante), uso del suolo e curve di livello (dati da Provincia di Trento)
  • Strato 2: edifici (dati da Provincia di Trento)
  • Strato 3: rete stradale, sentieri ed impianti di risalita (dati da OpenStreetMap)
  • Strato 4: rete escursionistica SAT (dati da Società degli Alpinisti Tridentini)
  • Strato 5: toponomastica (dati da Provincia di Trento)

mappa-brenta-livelli

In fase di preparazione della mappa, abbiamo eseguito su OpenStreetMap una verifica della geometria dei sentieri, utilizzando come riferimento i dati messi a disposizione da Strava Labs: una mappa che dipinge i tracciati GPS degli utenti dell’app Strava. L’app Strava è utilizzata da numerosi sportivi che registrano le proprie attività atletiche, compreso il tracciato GPS delle loro corse, cammini o giri in bicicletta che eseguono. Ebbene, proprio questi dati sono resi disponibili in un particolare editor di OpenStreetMap.

Nell’immagine qui sotto sono visibili le numerose tracceGPS dei vari utenti Strava che sono passati per la Malga Termoncello. Ogni singola traccia GPS è rappresentata da una linea blu puntinata. Nell’immagine si vedono quattro sentieri distinti che convergono verso Malga Termoncello. La linea singola puntinata nel quadrante superiore destro dell’immagine rappresenta una singola traccia GPS. Gli altri tre sentieri sono invece evidentemente maggiormente battuti. Se una singola traccia GPS può contenere degli errori, la media di più tracce gps può rappresentare un buon sistema per smussare le imperfezioni.

Strava editor open street map

In basso a destra della mappa interattiva del Brenta è presente un bottone “+” che permette di caricare sulla mappa delle tracce GPS da locale. Se avete registrato un tracciato gps, oppure un amico vi ha passato un file gpx di un itinerario sul Brenta, potete facilmente visualizzarlo in mappa, sovrapponendolo alla stessa. E farvi un’idea della precisione della mappa.

Enjoy!

Share This